Biotecnologie vegetali per la salute umana

DG.RSTL.107.004: Biotecnologie Vegetali per la Salute Umana

Le piante rappresentano una promettente piattaforma per produrre proteine utili in campo industriale e farmaceutico, tra cui antigeni, anticorpi, peptidi anti-microbici, enzimi (Ma et al. 2005) da impiegare nella prevenzione o cura di malattie trasmissibili derivate da patogeni o di patologie croniche non trasmissibili.

Dagli anni ’90 il numero ed il tipo di molecole prodotte mediante le biotecnologie vegetali sono aumentati considerevolmente e diversi prodotti sono attualmente in fase di valutazione clinica .

Le biotecnologie vegetali permettono di produrre proteine ricombinanti anche in forma complessa, prive di patogeni o tossine potenzialmente pericolosi per la salute umana, a costi inferiori rispetto ad altri sistemi produttivi (batteri, lieviti, cellule di insetto o animali) e in tempi relativamente rapidi. Sono per questo una tecnologia promettente per migliorare lo stato sanitario dei Paesi in via di sviluppo.

L’espressione di proteine ricombinanti in pianta può avvenire mediante trasformazione del genoma nucleare o plastidiale o mediante sistemi di espressione transienti, utilizzando plasmidi di espressione o vettori virali. I vettori virali sono virus vegetali ricombinanti, non patogeni per l’uomo, con cui si raggiungono alte rese proteiche in tempi relativamente rapidi.

L’Istituto di Virologia Vegetale possiede tecnologie, competenze e strutture per produrre proteine ricombinanti in pianta attraverso sistemi di espressione transienti o stabili. Attualmente è coinvolto in un progetto EU (www.plaprova.eu) per la produzione di antigeni utili in campo veterinario o umano (Papillomavirus, Epatite, Blue Tongue virus, Influenza, Sindrome respiratoria del suino).Collabora con il John Innes Centre, Norwhich, GB, il Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia e quello di Scienze Cliniche e Biologiche (Università di Torino).

Progetti

Nessun risultato